Per sostenere i soggetti colpiti dall’emergenza covid-19, il Decreto Rilancio (Articolo 25) prevede la concessione di contributi a fondo perduto a favore dei soggetti esercenti attività di impresa, di lavoro autonomo o di reddito agrario, titolari di partita IVA.

SOGGETTI BENEFICIARI
Il contributo spetta a tutti i soggetti in possesso dei seguenti requisiti:

  • ricavi o compensi non superiori a 5 milioni di euro nel periodo d’imposta 2019;
  • fatturato e corrispettivi del mese di aprile 2020 inferiori ai 2/3 del fatturato e dei corrispettivi del mese di aprile 2019. Per il calcolo corretto di questi importi occorre fare riferimento alla data di effettuazione della cessione di beni o di prestazione dei servizi.

Possono accedere in modo automatico al contributo tutti i soggetti che hanno avviato l’attività di impresa dopo il 1° gennaio 2019.

CONTRIBUTO
L’ammontare del contributo a fondo perduto viene determinato calcolando la differenza tra l’ammontare del fatturato e dei corrispettivi del mese di aprile 2020 e l’ammontare del fatturato e dei corrispettivi del mese di aprile 2019, e applicando una percentuale pari al:

  • 20% per i soggetti con ricavi o compensi non superiori a 400.000€ nel periodo d’imposta 2019;
  • 15% per i soggetti con ricavi o compensi tra i 400.000€ e 1 milione di euro nel periodo d’imposta 2019;
  • 10% per i soggetti con ricavi o compensi tra 1 milione di euro e 5 milioni di euro nel periodo d’imposta 2019.

Il contributo avrà comunque un valore minimo, pari a

  • 1.000€ per le persone fisiche
  • 2.000€ per i soggetti diversi dalle persone fisiche.

SOGGETTI ESCLUSI

Sono esclusi dal contributo:

  • i soggetti che hanno cessato l'attività alla data del 31 marzo 2020
  • gli enti pubblici e gli intermediari finanziari;
  • i contribuenti che hanno diritto alle indennità previste dagli Articoli 27 e 38 del Decreto Cura Italia, (indennità per professionisti e lavoratori co.co.co e indennità per i lavoratori dello spettacolo), cioè i titolari di partita IVA, i collaboratori parasubordinati e i lavoratori dello spettacolo;
  • lavoratori dipendenti e professionisti iscritti agli enti previdenziali di diritto privato.

MODALITA’ DI ACCESSO AL CONTRIBUTO
Per richiedere il contributo, i soggetti interessati dovranno presentare domanda, esclusivamente in via telematica, all’Agenzia delle entrate entro 60 giorni dalla data di avvio della procedura telematica.

Il contributo sarà erogato direttamente sul conto corrente bancario o postale del soggetto richiedente.
La procedura telematica per fare richiesta del contributo verrà definita con un provvedimento del direttore dell’Agenzia delle entrate nelle prossime settimane.

icona download ok   Scarica la scheda informativa 

 

Fondazione ISI - info@fondazioneisi.org

 

Questo sito usa i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Proseguendo nella navigazione acconsenti al loro utilizzo.